domenica 4 maggio 2014

Caprese al limone

Questa torta è deliziosa, e non lo dico tanto per dire, è la tipica torta che non si smetterebbe di mangiare. Ha un equilibrio di sapori particolarissimo, profumata, no, profumatissima al limone, il cui aroma si percepisce prima con l'olfatto e poi esplode in bocca, leggera.  E' una ricetta adatta anche per celiaci: solo farina di mandorle e fecola di patate. Completa assenza anche di latticini. Come grassi si usano olio extravergine d'oliva e il cioccolato bianco. Fino a qualche anno fa non conoscevo l'esistenza di una versione al limone della Caprese. Conoscevo solo la Caprese al cioccolato. Poi, da quando mi sono dedicata in "modo serio allo studio" della cucina e della pasticceria, l'ho scoperta. Ho trovato la ricetta sul libro del Maestro Pasticcere Salvatore de Riso, Dolci del Sole, e l'ho subito provata. A dire il vero la prima volta l'avevo fatta insieme alla versione classica al cioccolato, e subito, nel confronto, questa Caprese al limone mi ha conquistato tanto che la preferisco a quella al cioccolato.
Io ho due opzioni per farla: una con farina di mandorle, e l'altra in cui la farina me la creo frullando le mandorle con lo zucchero (così non ne perso gli oli essenziali e gli aromi), e di solito uso mandorle dolci non pelate. Per fedeltà al Maestro Pasticcere riporto la sua ricetta originale, anche se come dicevo io uso mandorle con la buccia o la farina. Inoltre stavolta non avevo le bucce di limone candite, quindi non le ho messe. Altra cosa molto importante: è una preparazione molto veloce, in pochi minuti diciamo che è pronta da essere infornata. Adatta sia come dessert dopo un pasto, a merenda, con il caffè, con il tè... e insomma ogni pretesto secondo me è buono per mangiarla... durerà molto poco in casa... Bon appétit...

Ingredienti
  • 100 gr olio d'oliva extravergine
  • 120 gr zucchero a velo
  • 200 gr di mandorle dolci pelate (ho usato farina di mandorle)
  • 180 gr cioccolato bianco
  • 30 gr di scorzerete limone candite (non le ho messe)
  • 1/2 baccello di vaniglia
  • 1 limone Costa d'Amalfi
  • 5 uova intere
  • 60 gr di zucchero
  • 50 gr fecola di patate
  • 5 gr lievito in polvere per dolci
Io ho usato farina di mandorle, altrimenti si frullano le mandorle con lo zucchero a velo e i semi di vaniglia. Grattugio a parte il cioccolato bianco. In una ciotola capiente monto le uova con lo zucchero fino a triplicarne il volume. A parte incorporo alla miscela di mandorle e zucchero a velo il cioccolato bianco grattugiato, le scorzette di limone candite finemente tritate, la scorza grattugiata di limone fresco (e lo grattugio su un po' di zucchero che tengo da parte, in questo modo lo zucchero assorbirà gli olii essenziali della buccia di limone) e la fecola di patate setacciata con il lievito. Miscelo tutti gli ingredienti, aggiungo l'olio extravergine di oliva e infine le uova montate. Emulsiono bene il tutto con una spatola senza preoccuparmi se le uova tendono a snontarsi. Verso il composto in una tortiera di 22 cm di diametro, imburrata e infarinata con fecola di patate. Inforno in forno statico preriscaldato a 200° C per i primi 5 minuti, e poi lascio cuocere per altri 45 minuti a 160° C.
Dopo la cottura lascio raffreddare il dolce nella tortiera e lo sforno quando sarà tiepido.
Lascio riposare qualche ora, spolverizzo con zucchero a velo e servo.