23 marzo 2019

Tagliolini alle ortiche con prosciutto e limone.

Una ricetta nata un po’ per caso. Sapete quando si rientra a casa, si guarda dispensa e frigo e ci si dice “e ora che cosa cucino?” Sono sicura che capita anche a voi ogni tanto. E proprio con questo spirito, e ricordando una ricetta provata durante una mini vacanza (forse nata anche quella con lo stesso mood), nasce questo piatto. In vacanza era stata fatta con spaghetti o linguine, io ho pensato di provare questi taglioni all’ortica, e abbinarli al prosciutto crudo e limone. Un ricetta semplice e veloce. Mentre la pasta cuoce si taglia il prosciutto, si grattugia buccia di limone e si spreme. Non resta che saltare tutto in padella e pronto in tavola. Più veloce di così. Per chi gradisce anche una bella spolverata di parmigiano. Il limone conferisce quella nota acidula e fresca molto piacevole e stuzzicante, che alleggerisce la sapidità del prosciutto crudo scaldato. Un piatto che sa di natura di bosco, leggero e profumato…

Ingredienti
  • 250 gr di tagliolini all’ortica
  • 150/200 gr di prosciutto crudo
  • 40 gr di burro
  • 1 limone intero bio non trattato (succo e zest)
  • sale marino integrale grosso
  • parmigiano grattugiato a piacere
Mentre aspetto che l’acqua per la cottura della posta bolla, mi preparo il condimento. Io ho tagliato grossolanamente il prosciutto, ma per fare una bella figura consiglio di tagliarlo in strisce più o meno regolari. Lavo bene un limone, grattugio la buccia solo la parte gialla e non la bianca che è amara, e poi lo spremo eliminando i semini. Quando l’acqua bolle, verso una manciata di sale marino integrale grosso e la pasta. In una padella saltapasta faccio sciogliere il burro, unisco il prosciutto, dopo un minuto verso il succo di limone, e faccio insaporire per un paio di minuti e spengo o abbasso al minimo la fiamma, dipende dalla velocità di cottura della pasta. Quando la pasta è quasi al dente, poco prima del minuto, la scolo tenendo da parte un po’ di acqua di cottura, e la metto nella padella con il condimento. Unisco anche lo zest di limone, faccio insaporire per un paio di minuti, se si asciuga troppo allungo con un po’ di acqua di cottura della pasta. Non resta poi che servire ben caldo, con del parmigiano grattugiato servito a parte per chi lo gradisce.

Nessun commento:

Posta un commento