lunedì 10 febbraio 2014

Pasta e patate... minestra o asciutta?

Un piatto della mia infanzia ed inserito tra i miei preferiti. Piacerà di sicuro a tutti i bambini (lo affermo per esperienza diretta), ma credo anche ai grandi, insomma finora mai visto nessuno tirarsi indietro a una pasta e patate. 
Anche in merito a questa ricetta esistono moltissime versioni: a minestra, asciutta, chi con pesce, chi aggiunge salsiccia. E' uno di quei piatti che si prestano a molte variazioni. Da che mi ricordo io, nella mia famiglia, si sono sempre fatte due versioni, una versione a minestra e una versione con il riso. Qui ecco la mia versione a minestra, più o meno asciutta a seconda della preferenza dell'ospite.

Ingredienti
  • 1 cipolla
  • 2-4 pomodorini
  • 4 patate medie
  • un pezzetto di sedano (facoltativo, io non sempre lo uso)
  • 1 pezzo di crosta di parmigiano
  • 200 gr di pasta, ditaloni, calamarata, mezze maniche, a scelta (di solito nel quantizzavo vado un po' ad occhio)
  • olio extravergine d'oliva
  • sale
  • pepe
Pulisco la cipolla e la taglio finemente, pelo e taglio a pezzi non grandi ma nemmeno piccoli le patate, aggiungo dadolata grossolana (o semplicemente taglio a pezzi con le mani) dei pomodorini, e metto tutto in una pentola con abbastanza acqua per cuocere una minestra. Pulisco e aggiungo crosta di parmigiano a sciogliere, e metto tutto su fuoco basso e lascio cuocere lentamente.
Quando l'acqua arriva a bollore, e le patate sono quasi pronte (devono poi arrivare quasi a disfarsi a cottura ultimata), aggiungo la pasta. Quando la pasta è al dente tolgo dal fuoco, aggiusto di sale, pepe e metto olio a crudo, e impiatto. 
Ci sono sue modi per mangiare questo piatto: chi mantiene le patate a pezzetti, e chi invece le schiaccia nel piatto, va a gusto.
Naturalmente c'è poi da sorteggiare per chi mangerà quel che resta della crosta di parmigiano oramai supermorbida (se ne rimane).
Servo poi accompagnato da parmigiano da aggiungere per chi gradisce e vuole vedere la "nevicata" sul piatto.
Le foto sotto è la versione asciutta, e sopra la versione brodosa..